Migrante ucciso, si cerca arma omicidio

I carabinieri della Compagnia di Tropea e dello Squadrone Eliportato Cacciatori di Calabria hanno effettuato, tra ieri ed oggi, numerose perquisizioni e rastrellamenti nelle aree limitrofe al luogo in cui é stato ucciso il migrante Soumalya Sacko. L'obiettivo, a seguito del fermo d'indiziato di delitto a carico di Antonio Pontoriero, è il ritrovamento dell'ultimo tassello relativo alla all'omicidio di Sacko, e cioè l'arma del delitto, e specificatamente del fucile di tipo caccia che sarebbe stato utilizzato da Pontoriero per sparare i colpi che hanno provocato la morte del migrante maliano. Le ricerche, ancora in atto, secondo quanto riferiscono i carabinieri, vedono come protagonisti proprio i "Cacciatori" di Calabria, che possiedono l'addestramento e competenze specifiche proprio nell'ambito della ricerca di armi e di rastrellamenti di intere porzioni di territorio.

Altre notizie

Notizie più lette

  1. SoveratoWeb
  2. IlReventino.it
  3. Il Giornale di Calabria
  4. SoveratoWeb
  5. Il Giornale di Calabria

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Vazzano

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...